XXII Capitolo Generale
Istituto delle Religiose di San Giuseppe de Girona

Incontra le Sorelle Capitolari (XX)

18/06/2022 | In prima persona | 0 commenti

Paese d’origine

Rwanda

Comunità in cui risiedi

Casa Generale, Madrid- España

Anni di professione

26

È la prima volta che partecipi a un Capitolo Generale o l’hai fatto prima? Raccontaci la tua esperienza

No. È la seconda volta. La prima volta che ho partecipato non sapevo molto di cosa fosse il Capitolo. Ero molto tranquila, poiché mi sentivo poco coinvolta per mancanza di esperienza e anche per via della lingua, ma volevo imparare e capire. Come esperienza, confermo che è un momento forte, impegnativo e dedicato alla vita dell’Istituto. È un momento in cui le Sorelle Capitolari, accompagnate dalla preghiera di tutte la Sorelle dell’Istituto, si abbandonano nelle mani di Dio, invocando l’azione del suo Spirito perché si compia la sua Volontà. Lo dico perché l’ho sperimentato.

Come ti senti e quali sono le tue aspettative riguardo al XXII Capitolo Generale?

Ristetto alla mia prima volta, ora mi sento più responsabile del buon svolgimento del Capitolo. Ma questo non mi impedisce di “tremare” quando penso a cosa comporta questa responsabilità.
Le mie aspettative:
1º Lasciare che lo Spirito di Dio guidi la barca della celebrazione del XXII Capitolo Generale.
2º Che le sorelle capitolari siamo capaci di identificare nella pluralità l’attualità carismatica e determinare le linee di azione per la realizzazione dell’obiettivo del XXII Capitolo Generale.
3º. Che tutte le Sorelle si impegnino a vivere con fedeltà il documento capitolare del 2022 per rendere fruttuosa la missione condivisa e continuare a diffondere il carisma secondo i bisogni del popolo di Dio.

Vogliamo conoscerti meglio, raccontarci qualcosa di te: come ti definiresti o cosa vorresti condividere con tutti noi?

Mi definirei così: Religiosa di San Giuseppe di Girona, nata in Africa. Sono una delle prime sorelle del continente, quindi sento la responsabilità e il dovere di vivere il carisma ricevuto e di trasmetterlo alle nuove generazioni.

0 commenti

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*